Avis Comunale Treviso

16 ottobre 1962

a Pianezze di Valdobbiadene (1.070 m s.l.m.) viene posta, con il rito della benedizione da parte di mons. Alvise Dal Zotto, la prima pietra del futuro "Tempio internazionale del Donatore" , nato da un'idea di Giovanni Battista "Titta" Cecchella, fondatore dell'AVIS di Valdobbiadene (TV). Caratterizzato da uno stile moderno con una struttura lignea lamellare progettata dall’architetto Bepi Davanzo e arricchito da un prezioso affresco di Carmelo Puzzolo di Forlì del 1986, il Tempio, costruito con le pietre del Piave e in una terra teatro di battaglie, vuole esse un simbolo di pace e fratellanza. 

La costruzione incontrò qualche problema per il reperimento dei fondi ma il coinvolgimento anche di altre Associazioni di Donatori come FIDAS, Misericordie d'Italia, FRATRES, AIDO ne permise il completamento. Già nel 1964 una parte della Chiesa, l'attuale sacristia, ospitò le celebrazioni ma solo 15 anni dopo fu interamente completato.  Il 16 settembre dei 1979, in un clima di grande entusiasmo, il Tempio fu consacrato dal vescovo di Padova, mons. Girolamo Bortignon, alla presenza di oltre 400 sezioni (alcune anche estere) di Donatori. 

Il Papa, Giovanni Paolo II, partecipò con l'invio di una lettera e con il dono di un prezioso Calice. 

Da allora molte Associazioni e privati contribuiscono con i loro doni ad impreziosire la Chiesa. 

 

Anche l'A.V.I.S. Comunale di Treviso ha voluto portare un segno della propria attività al Tempio in occasione l'80° di fondazione. Durante l'annuale festa del donatore abbiamo donato al Tempio un oliera in ferro battuto opera dell’artista Cadavello che ripropone un'allegoria del dono del sangue invitando tutte le sezioni della Provincia di Treviso ad alimentare la fiamma con l'olio così come tutti i donatori alimentano la vita con il dono del loro sangue.